Storia e Tradizioni

Le origini della Famiglia al maso Untersteiner

L’uomo si è insediato a Untersteiner più di mille anni fa. La posizione era perfetta: la foresta faceva da protezione contro intemperie, slavine e molto altro, c’era acqua in abbondanza, terreno da coltivare e sole che faceva crescere il raccolto.

Anche il sottosuolo aveva molto da offrire: come dice lo stesso nome „Untersteiner“ (sotto la pietra), qui il terreno si presentava molto ricco di pietre, perfette da sfruttare per l’edilizia.

La storia
 
Una lunga
storia famigliare
La famiglia nella stube
Lavorare
 
Tradizione
e artigianato

17° secolo Nella maso di Untersteiner vivono tre uomini con le loro famiglie, uno di loro si chiama Blasius, (da qui il nome „Blaslahof/Blasla Hof“), l’altro Joggl e il terzo Gallus.

1882 Un incendio distrugge il maso di Untersteiner. I tre uomini decidono di costruirsi un maso ciascuno, e ancora oggi questi si chiamano „Blasla“, „Galla“ e „Jougla“.

1937 muore l’ultimo Blasius Mooswalder, che porta il nome del nostro Patrono, protettore della gola. In qualità di erede arriva sua nipote Elisabeth Haberer, che sposa Vinzenz Steger. Elisabeth muore solo dopo pochi anni di matrimonio. In seguito Vinzenz si risposa, ma purtroppo anche la sua seconda moglie muore. Il nonno di Martin si trova a dover crescere da solo i suo i 4 figli (Stachan, Tennigan, Blasla Vinzenz, Lise) e vive un momento molto difficile.

1966 Vinzenz II assume la guida della corte e sposa Maria Untersteiner, l’attuale Capo Cuoca. Insieme lavorano come contadini alla „Bauernhöfl“ (fattoria). Decidono infine di aprire un’attività secondaria e sono la prima famiglia della Val Casies ad aprire un’attività turistica in fattoria.

1973 arrivano i primi ospiti, nello stesso anno nasce Martin

1990 Martin frequenta l’istituto alberghiero e matura diverse qualifiche: cuoco, cameriere, receptionist, massaggiatore.

2002 Martin conosce Iris e dopo tre anni nasce il loro primo figlio Jonas Vinzenz.

2011 nasce il secondo figlio Paul.

Oggi: la famiglia gestisce l’attività in pace e armonia. Ora sapete perché il maso Blasla, il Blaslahof, è un’attività a conduzione familiare ricca di tradizioni e memoria.

Tradizioni e Festività al Blaslahof

  • Domenica: La Domenica è il giorno della Famiglia!
  • 3 Febbraio: il giorno di San Biagio festeggiamo il nostro Santo Patrono, in questo giorno di festa cuciniamo per tutti i nostri ospiti.
  • Pasqua: La Domenica delle Palme intrecciamo i rami di palma. Il mercoledì delle ceneri dipingiamo tutti insieme le uova pasquali.
  • Domenica del Sacro Cuore di Gesù: tutti insieme assistiamo ai falò organizzati nei dintorni.
  • 11 Novembre: il Giorno della Chiesa viene festeggiato in Famiglia.
  • Natale: nel periodo natalizio disperdiamo il fumo per la casa e nella corte per scacciare la cattiva sorte, prepariamo i dolci tipici di natale, i biscotti allo zenzero e il pan pepato. I tre Re Magi vengono a farci visita per benedire la casa.
  • Capodanno: in occasione del nuovo anno i bambini visitano le case e raccontano le più belle storie del nuovo anno. Come ricompensa ricevono dei dolci, qualche moneta o altri piccoli regali.
Tradizioni
 
Costumi & usanze
del Sudtirolo
Disperdiamo il fumo per la casa
Tradizioni e Festività
 
I costumi tipici
del Tirolo